I ricordi di Luigi

Un album di foto, un'azienda, una famiglia e la sua storia lunga cent'anni. La fabbrica di cioccolato raccontata attraverso i ricordi del fondatore Luigi Zaini, dove le vicende personali si intrecciano con l'evoluzione dell'azienda a Milano seguendo i cambiamenti socio-economici del nostro Paese.

1913

Nasce la Luigi Zaini & C.

Nasce Luigi Zaini & C. In questa foto il fondatore (riconoscibile dai baffi, pizzetto e papillon) è nel cortile della fabbrica in Via De Cristoforis, attorniato dalle sue maestranze: 28 donne, 32 uomini

1922

In questa immagine la fabbrica Zaini di via De Cristoforis, è illustrata a mano sulla copertina del listino. E' un grande edificio con una lunga ciminiera che certamente emanava profumo di cioccolato in tutto il quartiere.

Il reparto delle incartatrici. Gran parte della forza lavoro in Zaini è costituita da donne, come sempre succedeva nelle ditte dolciarie artigianali cui occorreva accurata manualità nelle fasi di confezionamento.

1924

Luigi Zaini, rimasto vedovo, sposa in seconde nozze Olga Torri, in questa foto la coppia è con i due bambini nati nel matrimonio precedente e con la loro piccola Luisa. Vittorio nascerà solo qualche anno dopo.

1926

La Zaini si traferisce in Via Imbonati. In questa foto del 1933 Luigi Zaini, al centro della foto, attorniato dalle maestranze, tiene in braccio suo figlio Vittorio, l’ultimogenito che condurrà l’azienda fino alla fine degli anni ‘50.

1930

La Zaini lancia le figurine collezionabili, i soggetti sono campioni sportivi, stelle del cinema e imprese memorabili. Leonardo Sciascia dichiarò alla Gazzetta dello Sport che fu grazie alle figurine Zaini che si appassionò al gioco del calcio da bambino!

1938

Lugi Zaini viene a mancare, sarà lui stesso a indicare in sua moglie Olga la nuova conduttrice dell’impresa. La sua intuizione si rivelò, come sempre esatta. Olga Zaini condusse la sua azienda fino alla fine degli anni 50 con straordinaria competenza e capacità di visione.

1940

In questi anni confezioni e incarti diventano sempre più eleganti e curati, come nel caso di queste cartine della Luigi Zaini, che racchiudono bombon dai nomi evocativi: Reale, Excelsior, Eva, Maruska, Luisella…

1943

La Fabbrica Zaini viene quasi rasa al suolo dai bombardamenti aerei. Olga Zaini avvia subito i lavori di ricostruzione, concordando per i suoi operai che vengano impiegati nell’impresa costruttrice, così che non perdano il salario. Nella foto, Olga Zaini, seduta al centro.

1980

La Zaini cresce all’insegna di innovazione tecnologica e qualità. Vittorio Zaini divide la sua dedizione al lavoro con la passione per la corsa a cavallo che lo porta a diventare uno dei migliori gentleman reader italiani. In quegli anni nascono i compliments, mini cioccolatini che accompagnano il consumo di caffè fuori casa.

1990

La conduzione della Zaini passa nelle mani del figlio di Vittorio, Luigi, cui si affianca la sorella Antonella. Il cioccolato Emilia e gli altri prodotti Zaini, che da qualche decennio ha spostato la produzione a Senago (Mi), sono distribuiti in 80 paesi al mondo.

2013

Per la Luigi Zaini è l’anno del centenario, per questa occasione straordinaria Luigi e Antonella Zaini realizzano un progetto… fuori dall’ordinario. Creano, nella stessa via De Cristoforis dove sorse la fabbrica 100 anni prima, una esclusiva cioccolateria piena di elementi originali dell’epoca, che propone prodotti al cioccolato realizzati artigianalmente...

... e la storia continua!

-->